Suex Stories: alla scoperta della Battaglia delle Egadi con Mario Arena

suex stories

L’archeologia ci permette di comprendere meglio il nostro passato per farci capire la strada che la nostra civiltà ha percorso fino a oggi.

Questo genere di ricerca, però, non è sempre facile, perché in molte occasioni bisogna fronteggiare ambienti ostili, come sconfinati deserti, gelide tundre, profonde giungle, oscure grotte e fondali profondi.

E proprio il fondo del mare è stato teatro di un’ambiziosa spedizione archeologica per esplorare un sito unico al mondo, localizzato tra Marettimo, Levanzo e Favignana in Sicilia, Italia.

Lì, nel 241 Avanti Cristo, ebbe luogo la Battaglia delle Egadi tra Roma e Cartagine che pose fine alla Prima Guerra Punica, durata 23 anni, grazie una decisiva vittoria romana.

Quel tratto di mare, quindi, custodisce reperti di un campo di battaglia che è quello più antico mai scoperto fino a oggi e racconta l’inizio dell’ascesa di Roma come superpotenza del mondo antico, scalzando l’Impero Cartaginese e stabilendo il proprio dominio sul mare e in guerra.

Tuttavia, accedere a questo tesoro storico non è facile, poiché si trova a 80 metri di profondità sparso in un’area con fondale sabbioso lunga 4 chilometri e larga 3 in un tratto di mare spazzato da forti correnti sottomarine.

È quindi un sito archeologico unico al mondo anche per le difficili condizioni da affrontare e per questo motivo l’operazione è stata affidata agli esperti subacquei della SDSS, Società per la Documentazione di Siti Sommersi.

Leader del progetto è Mario Arena, che in questa Suex Story ci racconta come hanno affrontato questa difficile sfida e come Suex abbia contribuito a superarla.


Play video

Trattandosi di un sito senza precedenti, racconta Mario, hanno dovuto costruire l’operazione da zero, definendo soluzioni specifiche per queste particolari circostanze.

Per superare le correnti, l’imbarcazione d’appoggio si posizionava a 200 / 300 metri dal sito a monte della corrente, compensando così lo spostamento causato da essa.

Una volta giunti sul fondo, l’acqua era più calma e permetteva di concentrarsi sulla sfida successiva, cioè l’individuazione di reperti celati dalla sabbia.

Rispetto ai robot, i subacquei dimostrano una maggiore capacità di ricerca visiva, poiché sedimenti e rocce interferiscono con la strumentazione elettronica, sono più veloci e delicati nel maneggiare i reperti e nel prepararli all’emersione, e sono più efficienti nel predisporre griglie e nella fotogrammetria.

Tuttavia, queste attività venivano svolte sostenendo il peso della colonna d’acqua soprastante.

La profondità significava anche che la risalita durava 3 / 4 ore per la decompressione, incrociando di nuovo le correnti marine e correndo quindi il rischio di essere trascinati via e perdersi in mare.

A nuoto sarebbe un’impresa impossibile, quindi era per forza necessario uno scooter DPV; tuttavia, uno qualsiasi non bastava, perché serviva un’avanzata tecnologia per fronteggiare con successo tutte le sfide e portare alla luce un importante tassello della storia dell’umanità.

Per questo motivo, Mario Arena e la SDSS hanno scelto i DPV Suex poiché offrono:

  • Elevata potenza per vincere le correnti marine avverse;
  • Elevata autonomia per raggiungere il fondale, esplorare l’area di 12 km2 e affrontare la lenta risalita;
  • Indicazioni chiare e immediate sull’autonomia residua per il pieno controllo dell’immersione;
  • Sistemi di navigazione avanzati per sapere sempre dove si trova il sub.

Suex ha anche assistito l’operazione sviluppando un progetto proposto dal team SDSS per sfruttare l’aspirazione frontale e la propulsione posteriore generate dal rotore per rimuovere i sedimenti dai reperti una volta ritrovati.

I nostri scooter DPV sono al fianco dei subacquei di tutto il mondo, dagli esploratori come Mario Arena agli appassionati che vogliono scoprire il mondo sottomarino.